Annunziata, presidente Autorità Portuale, su stazione marittima, croceristi e dragaggio

Sharing is caring!

Andrea Annunziata – Presidente Autorità Portuale di Salerno su: dragaggio, stazione marittima, stagione croceristica, Cruise Shipping 2014.

Presidente, entro il 2015, le operazioni di dragaggio dovrebbero concludersi: stiamo parlando di 8mln di mt cubi da dragare. Ciò, dovrebbe consentire – finalmente – l’ingresso di navi con pescaggio fino a 14 mt, ce ne parla? “Qualche settimana fa, siamo partiti con la prima gara  – pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale –  che riguarda il consolidamento delle restanti banchine, lavoro indispensabile per consentire il dragaggio dei fondali e migliorare la sicurezza nel porto di Salerno. I tempi di attesa, però, sono biblici: sei mesi  per il solo parere di rimozione della sabbia da parte del Ministero dell’Ambiente. Questi sono i ritardi che io denuncio da sempre!. Successivamente, vedremo come utilizzare questa sabbia, con la speranza che non ci siano tempi così lunghi. Ma, ritornando a noi: siamo partiti con la prima gara, facente riferimento al primo lotto; mentre per il secondo lotto, siamo già a lavoro, con il consolidamento della banchina, e successivamente, l’escavo e l’allargamento dell’imboccatura, quest’ultima importante per consentire l’ingresso alle navi da crociera. Mi auguro che per fine 2015 tutto sia pronto”.

E per quanto concerne il completamento della Stazione marittima? “A tal proposito, il  Comune di Salerno è preposto alla realizzazione della struttura che terminerà entro quest’anno, così come mi è stato assicurato.  Si tratta di un polo crocieristico, disegnato da Zaha Hadid, che attrezzato potrà accogliere le più belle navi da crociera al mondo. A noi, spetta la gestione, infatti, stiamo mettendo a punto il regolamento di essa, in attesa della realizzazione finale. Ripeto: visto che la burocrazia è quella che è, ci siamo anticipati sui tempi per la regolarizzazione. Confidiamo, inoltre, nel breve, nell’assestamento anche del Molo Manfredi, cosicché, da sistemare tutta l’area interessata”.

Stagione croceristica 2014, novità, richieste e quant’altro…“C’è sempre maggiore richiesta – da parte delle compagnie crocieristiche – di venire a Salerno. Però, fino a quando non sarà completato il nuovo polo crocieristico, dobbiamo limitare le richieste di accesso visto lo spazio limitato. Fino ad ora, abbiamo concesso a 100 navi l’ingresso, con un aumento di circa il 20% di passeggeri e, con un adeguato spazio a disposizione, in due anni, potremmo triplicare la presenza delle navi, evitando cos’ di inserire la nave da crociera tra una mercantile ed un container. Per quanto riguarda la stagione croceristica, oggi, abbiamo due tra le più importanti compagnie che fanno scalo a Salerno: MSC e Royal Caribben; allo stesso tempo, Costa, Carnival ed anche altri armatori, ci chiedono di approdare nel nostro scalo. Io la considero una ‘fetta’ importantissima di economia, che è rappresentata dal turismo. Insomma, cercheremo di offrire risposte positive anche alle altre richieste. In più, possiamo ben dire che il trend è positivo in un mercato – quelle delle crociere – che è in leggera flessione per un motivo molto semplice: i campionati del mondo in Brasile, che dureranno un mese”.

Come mai? Il forte ‘battage’ pubblicitario che ha messo in campo il Brasile, consente a molti di partire o arrivare subito dopo, ciò ci farà avere un paio di anni di flessione, nonostante abbiamo molte richieste”.

Presidente Annunziata, come mai i croceristi non visitano la città di Salerno? In effetti, ci sono delle navette che conducono i turisti direttamente a piazza della Concordia per poi partire per Paestum, Pompei ecc., perché? “Molto dipende dall’organizzazione che ha una nave che arriva al porto, mi spiego: se fa scalo tutta la giornata; dalla tipologia di passeggero – italiano o europeo,  che spesso si ferma anche a Salerno, o dal turista americano, che nella sua unica visita in Campania,  preferisce ammirare località più famose: Capri, Amalfi, Paestum e Pompei. Dal nostro canto, stiamo cercando di favorire la permanenza a Salerno per tutta la giornata, per meglio visitarla. I croceristi sono affascinati dalla nostra città, trovandola gradevole e carina. La nostra speranza è di creare per il turista le giuste condizioni per  visitare  il Duomo – con le porte aperte tutta la giornata – i vicoli dei Mercanti, il tessuto urbanistico sistemato in maniera eccellente e poi, il Teatro Verdi, i Giardini della Minerva. E’ chiaro che non siamo Firenze, quindi, dobbiamo inventarci qualcosa: mi riferisco ad esempio all’Arena del mare – spazio aperto – in grado di ospitare nella stagione estiva, grandi eventi e manifestazioni, come musica classica o teatro. Il mio obiettivo, infine, è quello di rendere Salerno ‘Home Port’ cioè, consentire alla nave di partire e ritornare a Salerno. Dobbiamo promuovere queste attività e consentire un più lungo soggiorno ai turisti, per potere visitare le tante bellezze che la nostra provincia offre, implementando allo stesso tempo, le attività culturali”.

Grande successo per il nuovo Terminal passeggeri presentato alla Fiera Internazionale del settore croceristico ‘Cruise Shipping 2014’ di Miami, ce ne parla? “Anche quest’anno l’Autorità Portuale di Salerno è stata presente al “Cruise Shipping”, la più importante fiera internazionale del settore crocieristico. L’evento, giunto alla XXX edizione, rappresenta una importante occasione di promozione e di visibilità per il Porto di Salerno. Un grande palcoscenico per presentare, ai grandi armatori, ai tour operator e a milioni di visitatori, il nuovo Polo crocieristico, che sarà inaugurato per la stagione crocieristica del 2014. Queste belle strutture saranno illustrate in un video nel nostro stand. “In the heart of the Mediterranean” non è solo uno slogan, esso, identifica la centralità di Salerno in un’area dell’Italia tra le più famose del pianeta. Al centro di tre zone geografiche dichiarate dall’Unesco Patrimonio dell’Umanità: la Costiera Amalfitana, con Sorrento e Capri; il Parco Nazionale del Cilento e Vallo di Diano, con i siti archeologici di Paestum e Velia e la Certosa di Padula; le aree archeologiche di Pompei e di Ercolano. Sono luoghi incontaminati, con bellezze naturali straordinarie e civiltà millenarie da presentare ai turisti. Il nostro obiettivo, dunque, è continuare ad alimentare le dinamiche positive dello scalo. Non solo, pensi che a Miami, abbiamo riscontrato anche un certo interesse per l’evento “Luci d’artista”. Le luci, però, si accendono la sera!, quindi, se i turisti partono alle 19,00 non avranno la possibilità di vedere la città illuminata.  Noi dobbiamo offrire ‘la città un giorno prima della partenza’, il territorio ‘due giorni prima della partenza’, in maniera tale, da consentire agli imprenditori turistici, attraverso i pacchetti, di potersi organizzare in maniera ottimale. Se ci saranno queste condizioni, in città arriverà un milione di croceristi, non 200mila. Tutto questo darà un senso alle nostre scelte!”

Cosa dicono di positivo i turisti di Salerno? “Tutti i visitatori e turisti, trovano la nostra città bellissima, con abitanti cordiali, simpatici e gentili. Questo, consente ad es, all’americano di fare un passaparola positivo nella sua nazione, rendendo Salerno appetibile e da visitare, magari, nel futuro.  Il crocerista ci da – da sempre – un riscontro positivo di Salerno, seppur per pochi attimi”.

E sulla polemica: negozi aperti o chiusi? “A mio parere, non si può obbligare il negoziante ad avere le saracinesche alzate nei giorni festivi. Il rivenditore, resterà aperto quando troverà convenienza. Si impegnano dipendenti per cosa?. Solo se ci saranno tanti croceristi o turisti, il negozio troverà interesse a restare aperto. Concludo dicendo che, soltanto con il nuovo polo crocieristico, potremo organizzare la città ed il territorio due o tre giorni prima, consentendo di conseguenza una permanenza più lunga ai tanti visitatori”.

Ivan Di Mauro

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *