Baronissi: i quattro candidati a sindaco si confrontano davanti alle telecamere di Telecolore

Sharing is caring!

Si è svolto finalmente oggi, mercoledì 14 maggio, sugli schermi di Telecolore il primo confronto televisivo tra i quattro contendenti la poltrona di primo cittadino del comune di Baronissi. Dopo un precedente rinvio, con conseguenti polemiche per la mancata partecipazione alla trasmissione del Sindaco in carica Giovanni Moscatiello, gli sfidanti per la guida dell’importante comune della Valle dell’Irno si sono ritrovati davanti le telecamere per esporre all’elettorato il proprio programma politico.

A sfidarsi alle urne il 25 maggio prossimo saranno Gennaro Esposito, sostenuto da Azione Civica per Baronissi, Nuova Baronissi, Baronissi Migliore; il sindaco Giovanni Moscatiello che corre per il centrodestra ed è sostenuto dalle liste Moscatiello Sindaco, Impegno Civico, Forza Italia, Fratelli d’Italia-Alleanza Nazionale; altro candidato è Giuseppe Sabatino, giovane rappresentante per la lista Sabatino per rinnovare; ed infine Gianfranco Valiante, esperto politico del centrosinistra salernitano che guida la coalizione formata dal Partito Democratico, Civico Uno, Nuova Primavera.

L’incontro è stato promosso dalla Rete per i giovani ed è avvenuto in diretta rispettando i canoni della “par condicio” televisiva. Le domande del conduttore della trasmissione Franco Esposito e dei giovani presenti in studio, rappresentanti del mondo delle associazioni cittadine, hanno riguardato i temi più sensibili della campagna elettorale e sono state oggetto di un dibattito corretto ma velato a tratti da qualche vena di polemica tra i candidati. Il rapporto con l’Università di Salerno (presente nel territorio di Baronissi con la facoltà di Medicina), le infrastrutture, i centri di aggregazione giovanile e culturale, il futuro dello sviluppo della città sono stati i temi su cui i quattro protagonisti si sono espressi durante l’ora e mezza di discussione.

Il sindaco uscente Giovanni Moscatiello ha rivendicato con forza i risultati ottenuti dalla sua amministrazione, ricordando le tante opere già realizzate, tra cui l’inaugurazione del primo lotto della Casa dei Giovani, i cinque centri culturali gestiti dai cittadini, la scuola comunale di teatro ed altro, ed ha annunciato l’assegnazione dell’appalto per la costruzione di un Centro Polivalente da costruire in Via Ferreria e la creazione di una Tangenziale collegante Baronissi con Fisciano. Gli sfidanti del sindaco hanno replicato polemizzando sul mancato completamento di alcune opere importanti per Baronissi come la Città dei Giovani, ferma al solo parcheggio inaugurato dall’amministrazione, puntando l’attenzione sul proprio programma elettorale.

Gianfranco Valiante ha lamentato l’assenza di sedi per i giovani e di spazi per la cultura ed ha affondato un duro attacco a Moscatiello sul recente PUC impostato dal consiglio comunale che sarebbe, secondo l’esponente del Partito Democratico, troppo invasivo per l’impatto ambientale e potrebbe consentire possibili speculazioni edilizie. Gennaro Esposito, già esponente in passato della giunta Moscatiello, ha proposto nel suo programma la rinuncia all’indennità di sindaco e la creazione di un reddito di comunità, un bonus lavoro e l’azzeramento dell’Irpef per le fasce povere della popolazione. Giuseppe Sabatino, il più giovane dei contendenti, esponente di una lista civica, si è contraddistinto nel dibattito per una proposta programmatica dialogante ed aperta al contributo dei giovani, indicando nelle tematiche ambientali una priorità per la sua idea di amministrazione. Lo scontro dialettico tra i quattro candidati è stato molto denso e significativo, segno di un esito elettorale tutt’altro che scontato.

 

Luigi Narni Mancinelli

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *