AmoR Roma – Al cuor azzurro non si comanda

Sharing is caring!

ROMA, Quartiere di Conca d’Oro
Venerdì 20 giugno 2014

Ore 10:16

Driiiin. Squilla il mio telefono cellulare. Rispondo.
E’ la titolare della Pizzeria dove lavoro, Arianna.
Dice che devo correre subito al locale perchè hanno bisogno di me…
Mi accenna qualcosa riguardo un cartellone che devo realizzare. Ancora assonnata mi vesto in fretta e furia e nel giro di una quindicina di minuti sono da lei.
Saluto Gianluca, il marito, già al lavoro in cucina. Tra una pizza e un supplì mi spiega il da farsi: “Abbiamo pensato di organizzare un Aperi-Pizza stasera alle ore 18:00, profittando del fatto che l’Italia sfidi il Costa Rica, mettiamo a disposizione un maxischermo in modo tale che i clienti possano fermarsi a seguire la partita e nel mentre consumano bibite e mangiano tutta la pizza che vogliono a soli cinque euro.” Mi sembra da subito un’ottima idea.
Non me lo faccio ripetere due volte e sono già al lavoro.
Ne risulta una locandina simpatica e vivace, colorata. Sono soddisfatta.

Mondiali 1

 

Sono sul punto di congedarmi con Gianluca e Arianna, quando dalla porta fa capolino Mattia, figlio di Fabio, il fruttivendolo che sta proprio affianco alla nostra attività.
“Gianlù, ma non era meglio un Destro al posto di Cassano? O al limite un Giuseppe Rossi..”
E Gianluca dalla cucina: “A ci’, Prandelli ‘sta volta ha popo cannato.”
Mi faccio mentalmente una risatina e mi rassegno del fatto che sarà una lunga, lunghissima giornata.

Decido di fare qualche spesa per il pranzo.

Passando per Via Val Pellice vengo attratta dalle numerose bandiere verde-bianco-rosso aleggianti sulle vetrate della Caffetteria Pasticceria Gelateria ‘Vizi di Gola’ e decido di dar voce al loro patriottismo, scattandone una fotografia.

Mondiali 2

 

 

Di ritorno verso casa, mi imbatto in un altro bar, il bar One, che sta in Viale Val Padana.
‘Aperi-One : Analcolico + Buffet, E 5,00 – Alcolico + Buffet, E 7,00’. Così recita la lavagna che ha deciso di immolarsi per loro nel giorno della tanto attesa sfida, quella tra l’Italia e il Costa Rica.
Anche a lei decido di dedicare un piccolo spazio, tra le mie foto-ricordo.

Mondiali 3

 

Sarà finita, penserete voi. E invece no. Prima di svoltare l’angolo ed immettermi in Via Val Varaita, sento una voce che mi chiama. “Elì!”

E’ Pasquale, il barbiere che ha la bottega proprio qui, nel punto del marciapiede che sto percorrendo, quasi arrivata sotto casa.
“Vieni, che ti faccio vedere una cosa!”
Tutto fiero mi mostra un vecchio televisore Sony, posto ad hoc per l’evento, tra la vetrina del negozio e le poltrone consunte dove da anni taglia i capelli a grandi e piccini, pronto a trasmettere l’evento della serata.
Gli dico che ha avuto un’iniziativa grandiosa, e per dargli ancor più soddisfazione chiedo se posso registrare l’immagine con il telefonino, dopo aver ricevuto il consenso del cliente affezionato che come ogni mattina, stava sfogliando il quotidiano per leggere le ultime notizie.

Mondiali 4

Ore 16:00
Nemmeno me ne accorgo che già è arrivata l’ora di iniziare a lavorare. Mi trovo in pizzeria.
Mai come oggi l’insegna arancione ‘Pazzi di Pizza’ si addice al nome del locale.
Come presto erano arrivate le 16:00, altrettanto in fretta arrivano le ore 18:00, momento di inizio del match.
Gianluca in cucina si muove a ritmo di radiocronaca sportiva: lo osservo mentre cosparge la pizza di mozzarella. Oggi tutti i granelli di fiordilatte sembrano trovare la giusta collocazione.
Oggi sa che non ne metterà né uno in più, ne uno in meno.
“Dai, dai, dai.” Incita, battendo le mani, e non so se lo faccia per dare del ritmo al suo lavoro o se sia a favore dei nostri giocatori Azzurri.
Quel che è certo è che i miei occhi lo paragonano a un danzatore, che si muove leggiadro tra il bancone cosparso di farina e il forno di cottura, dando l’impressione di aver trovato proprio il palcoscenico più adatto.
E anche se alla fine del novantesimo minuto l’Italia avrà perso l’incontro, in cuor suo sa che riceverà sempre l’applauso del suo amatissimo pubblico.

Elisa Farina

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *