Il Salone dei Giovani all’Università di Salerno – grande pubblico e tanti contenuti

Sharing is caring!

Nella giornata di ieri, presso il Campus di Fisciano si è tenuto il I° Salone dei Giovani e delle Politiche Giovanili, un progetto ambizioso ed innovativo portato avanti dall’Osservatorio Comunicazione Partecipazione Culture Giovanili (OCPG) del Dipartimento di Scienze Politiche, Sociali e della Comunicazione dell’Università degli Studi
di Salerno e promosso dalla Direzione Generale Istruzione, Formazione, Lavoro e Politiche Giovanili della Regione Campania e dall’UOD Politiche Giovanili.
L’evento si è sviluppato tra Piazza De Rosa, nei pressi del Rettorato con mostre, stand e musica live e la facoltà di Scienze Politiche, dove invece hanno avuto luogo le sessioni tematiche.

Abbiamo parlato con alcuni membri dell’Osservatorio per comprendere a fondo lo spirito di questa manifestazione. Il tema di quest’anno è stato il lavoro e quindi l’inserimento dei giovani all’interno di un mondo, quello lavorativo, che appare oggi problematico e privo di opportunità, in particolar modo nel Sud Italia e specialmente per persone che appartengono a categorie solitamente discriminate.

Ecco perché il Salone dei Giovani si sviluppa in partnership con il progetto DiversaMente, dedicato alle regioni Campania, Calabria, Sicilia e Puglia, è promosso dall’Ufficio Nazionale Antidiscriminazioni Razziali della Presidenza del Consiglio dei Ministri. Attraverso questa collaborazione è possibile incanalare l’universo giovanile verso corsi di formazione, stage e tirocini utili per il futuro.

Abbiamo potuto osservare come, nonostante le difficili condizioni in cui versa il nostro sistema economico che troppo spesso si rivela scarno di possibilità per i giovani che si affacciano al mondo del lavoro e che sempre più spesso si sentono costretti a trasferirsi all’estero, qualcosa si sta davvero muovendo.

Un’iniziativa, quella tenutasi al Campus di Fisciano, davvero importante sotto tutti i punti di vista. Durante la giornata sono state istituite tavole rotonde e workshop a cui hanno partecipato oltre ai giovani, il vero e proprio motore di questa manifestazione, anche esperti, attori istituzionali regionali, imprenditori e istituzioni giovanili.

Ma non è ancora tutto!

Un altro originale progetto portato avanti dall’Osservatorio Culture Giovanili è ‘Chiamata alle Arti’, che offre la possibilità ai giovani artisti di esprimere il proprio talento e di affermarsi all’interno della società perseguendo la
strada, diciamo così alternativa, dell’arte. Gli artisti dai 18 ai 35 anni vengono inseriti nell’archivio dinamico delle forme artistiche campane e assumono la possibilità di esporre le proprie opere attraverso la galleria online: www.chiamatallearti.it .

Attraverso una maggiore diffusione sarà possibile attribuire maggior valore ad una produzione artistica che troppo spesso trova difficoltà nell’affermarsi all’interno della nostra società. Insomma, un’iniziativa a tutto tondo che si pone come strumento, come mezzo per conferire un’adeguata importanza all’universo dei giovani che hanno
voglia di fare, di creare e soprattutto di impegnarsi.

Speriamo vivamente che questo I° Salone dei Giovani possa essere replicato, da qui in avanti, annualmente.

Martina Masullo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *