Salerno Letteratura, terza edizione ricca di novità con Gran Concerto e la Summer School

Sharing is caring!

Tornerà tra poco più di un mese, con la sua terza edizione, una delle iniziative più creative e fertili dell’intero territorio campano che – non a caso – dal 22 al 28 giugno 2015 si svolgerà nella città dell’omonima Scuola Medica, luogo deputato a riunire i più famosi e promettenti talenti culturali italiani, per rendere ancora una volta Salerno un polo culturale di assoluto rilievo.

Il Festival Salerno Letteratura è nato nel 2013 da un’idea di Francesco Durante, giornalista, docente e critico letterario napoletano (che ne è anche il direttore artistico), di concerto con gli assessorati competenti e l’Amministrazione comunale del capoluogo. Grazie al Circolo dei Lettori, i cui soci costituiscono la giuria popolare che assegna il Premio “Salerno Libro d’Europa”, questa iniziativa è stata capace di attrarre finora appassionati lettori e scrittori di tutte le età, i quali ogni anno – nel corso di una settimana ricca di eventi, performances live, presentazioni, dibattiti e concerti – accorrono anche da fuori regione per scoprire il fascino senza tempo dei libri di qualità.

Già nei due anni precedenti il Festival si è contraddistinto per gli ospiti di notevole carisma e chiara fama (tra cui Diego De Silva, Corrado De Rosa, Pino Aprile, Peppe Lanzetta e lo staff di 100Thousand poets for Change) che hanno coinvolto in incontri all’aperto e totalmente gratuiti i numerosi cittadini partecipanti.

Salerno Letteratura
Salerno Letteratura – la locandina dell’evento

Quest’anno, Alberto Asor Rosa raccoglierà il testimone lasciato da Raffaele La Capria nella prolusione inaugurale della manifestazione, che si terrà il 22 giugno, e il suo discorso darà ufficialmente il via alla terza edizione.

L’edizione 2015 riserverà moltissime sorprese: tra gli eventi di giugno si annovera anche la serata conclusiva del Premio Internazionale di Poesia Alfonso Gatto, che quest’anno verrà consegnato a Paul Polansky – poeta, attivista e scrittore statunitense, insignito nel 2004 del Human Right Award per il suo impegno nei confronti del popolo Rom – ed inoltre, alla collaborazione con l’Università degli Studi di Salerno si aggiungerà quella con l’Università degli Studi Suor Orsola Benincasa di Napoli, che parteciperà con i propri docenti (nonché una seconda collaborazione col Festival delle Generazioni di Firenze).

Oltre al canonico ciclo d’incontri “Largo al Giallo”, si aggiungono quest’anno (dal 22 al 28) una summer school incentrata sulla scrittura creativa e giornalistica, in cui gli studenti delle scuole medie superiori, attraverso un programma complessivo di 28 ore che fornirà crediti formativi, avranno la possibilità di imparare da scrittori e giornalisti dal profilo nazionale e locale tutti gli aspetti del lavoro autoriale ed editoriale. Un ruolo tutto particolare assumeranno la letteratura per ragazzi, unita al fantasy, al fumetto e alla graphic novel.

Salerno Letteratura
Salerno Letteratura – ospiti speciali

Due sono gli appuntamenti che faranno da anteprima al Festival 2015: il 16 giugno si festeggerà il Bloomsday (giorno in cui si svolge l’Ulisse di Joyce): un evento ideato e promosso da Bruna Autuori, docente presso “The Cambridge School” di Salerno, Maria Teresa Franza, docente di lingua inglese presso l’Università degli Studi di Salerno, e l’associazione culturale AmbientArti, con un “Irish breakfast” e un reading accompagnato da buona musica. Il 21 giugno inoltre, in collaborazione con l’Università di Napoli Suor Orsola Benincasa, il Festival dedicherà una giornata al centenario della Prima Guerra Mondiale, con “1915-2015: Il Grande Racconto della Grande Guerra”.

Queste le anticipazioni sul programma:

  • Il 22 giugno sarà inaugurata la mostra “La pagina e l’azzardo: il libro nella poesia sperimentale italiana dagli anni sessanta a oggi”, a cura dell’associazione culturale Gozlinus e dell’archivio del libro d’artista Ibridi Fogli di Antonio Baglivo. La mostra avrà sede nella Pinacoteca Provinciale di Salerno e resterà attiva fino al 28 giugno.
  • Il 23 giugno sarà la volta del fumettista Andrea Paggiaro, in arte Tuono Pettinato, con Umberto Curi, Antonio Pascale e Domenico Starnone.
  • Il 24 giugno il Festival ospiterà il fenomeno ventiduenne Antonio Dikele Distefano, italiano di seconda generazione e figlio di migranti dall’Angola, definito “il nuovo Fabio Volo”, che ha pubblicato a febbraio la sua opera prima, Fuori piove, dentro pure. Passo a prenderti?, con Mondadori. Sarà anche il giorno dedicato al Premio Internazionale di Poesia Alfonso Gatto, promosso dall’omonima Fondazione salernitana partner del Festival.
  • Segue il ricco programma del 25 giugno, che vedrà tra gli ospiti il filosofo Roberto Esposito, i romanzieri Michela Tilli e Lorenzo Marone, la scrittrice Lia Levi, Elena Loewenthal, Mauro Covacich, Valeria Parrella e i giornalisti Giuliano Ferrara e Franco Di Mare.
  • Il 26 giugno è la prima delle due giornate dedicate al Premio Salerno Libro d’Europa: i lettori conosceranno da vicino i cinque candidati, confrontandosi con loro sui titoli scelti quest’anno. Stefano Benni metterà in scena, in anteprima nazionale, una lettura teatralizzata di Cari mostri, il suo nuovo libro di racconti dell’orrore pubblicato da Feltrinelli.
  • Il 27 giugno saranno in città Achille Bonito Oliva, Massimo Carlotto, Fabio Genovesi, Andrea Vitali e Tiziano Scarpa. Sarà anche il giorno in cui verrà eletto pubblicamente il supervincitore del Premio Salerno Libro d’Europa.

Il Festival chiuderà in bellezza il 28 giugno, con Cesare De Seta, Antonio D’Orrico, Miguel Bonnefoy, Eva Cantarella, Valerio Massimo Manfredi, Donato Carrisi e Maurizio De Giovanni. In chiusura, un altro evento dedicato all’ “odissea” di Leopold Bloom, con una talk-conference dal titolo Ulisse”: fra gli ospiti, il traduttore italiano di Joyce Enrico Terrinoni.

Salerno Letteratura
Io Sostengo – Salerno Letteratura

Ma non solo, perché martedì 12 maggio, presso il Teatro Augusteo, dodici talenti musicali andranno in scena alle 21.00 con “Parole&Musica: Gran Concerto Per il Festival Salerno Letteratura”. Oltre ai giovani talenti e a nomi di spicco del panorama musicale salernitano, come Aldo Vigorito, ci saranno due ospiti d’onore: Nada Malanima e Antonio Onorato.

Non male per un Festival finora snobbato dai finanziamenti pubblici ed autogestito, che grazie alla campagna Io sostengo (un progetto di crowdfunding già attivo) riesce ad offrire al pubblico salernitano un servizio di altissima qualità.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *