La Salernitana ripiomba nel tunnel: sconfitta a Ferrara con una pessima prova in difesa

Sharing is caring!

La Salernitana è di nuovo punto e a capo: la trasferta di Ferrara fa ripiombare i ragazzi di mister Sannino nel tunnel, che sembrava alle spalle dopo i tre punti conquistati la settimana prima con il Trapani.
Oltre ai dubbi già più volte prospettati sui meccanismi di gioco e sulle posizioni dei vari giocatori granata, contro la Spal sono venuti fuori prepotentemente degli errori individuali madornali, che hanno punito forse troppo Coda e c.
E’ assolutamente paradossale che in una trasferta contro una diretta concorrente per la salvezza, che oltretutto non aveva impressionato molto nel campionato fin qui disputato, si commettano degli errori così macroscopici; tornare dalla trasferta emiliana, in cui la formazione granata era riuscita ad andare subito in vantaggio e poi aveva riacciuffato il 2-2 con una perla di Coda, è assolutamente inaccettabile.
Molto bene si è comportato il reparto offensivo, davvero male invece la fase difensiva; inguardabile Schiavi sul primo gol subito, responsabile di un errore da terza categoria e poi capace anche di farsi espellere in modo davvero ingenuo, confermando così il suo avvio di campionato a dir poco pessimo.
La seconda rete subita è scaturita invece da un errore di posizionamento e di concentrazione di Tuia, stranamente tra i peggiori in campo, che ha permesso a Mora di saltare indisturbato su calcio d’angolo e battere Terracciano; infine ingenuità pazzesca sul 3-2 di Vitale che si è fatto rubare la palla dal solito Mora, poi l’estremo difensore granata non è sembrato immune da responsabilità sul tiro finale di Antenucci.
Perdere punti in questo modo lascia davvero l’amaro in bocca: dopo due risultati utili consecutivi ci si aspettava una certa continuità, dato fondamentale in un campionato lungo come quello cadetto.
Domenica prossima alle 17.30 all’Arechi arriva il Benevento, squadra davvero in forma che nonostante il punto di penalizzazione in classifica, è terzo con 14 punti, frutto di 4 vittorie e 3 pareggi; la formazione sannita, ancora imbattuta e preceduta solo dalla rivelazione Cittadella e dal favoritissimo Verona, ha un attacco molto prolifico, ben 12 gol realizzati, ed una difesa granitica, appena 3 reti subite. Tutto ciò fa del Benevento una matricola terribile che sta sorprendendo tutti e che almeno per il momento sta andando oltre ogni aspettativa.
Il derby forse arriva nel momento giusto, si spera infatti che le motivazioni in una sfida del genere vengano automaticamente così da dare una scossa a tutto lo spogliatoio, perché se così non fosse si rischierebbe di fare davvero una pessima figura come ha fatto già il Bari nella partita casalinga contro i giallorossi prendendo una vera e propria imbarcata.
Sannino dovrà innanzitutto lavorare sull’aspetto della concentrazione e dell’approccio alla gara del collettivo e dei singoli, troppe volte sbagliato o troppo superficiale; regalare un tempo al Benevento, come spesso è accaduto in questo scorcio di torneo, potrebbe essere troppo penalizzante. La tifoseria si aspetta una gara intensa e di carattere contro un avversario in stato di grazia, che sarà di sicuro un osso duro, ma che dovrà certamente fare i conti con l’Arechi ed il suo calore unico.

Christian Verderame

Un pensiero riguardo “La Salernitana ripiomba nel tunnel: sconfitta a Ferrara con una pessima prova in difesa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *